Sei in:
  1. ISSP di Prato
  2. Viaggio nel web
  3. Indice stazioni
  4. Stazione postale La Scala SI


Come si viaggiava in Toscana ai tempi del Grand Tour... e prima
Scheda informativa: stazione postale di La Scala ( Castiglione d'Orcia - SI)

Stazione citata per la prima volta 1562

La Scala- Stazione di Posta

Data apertura           prima citazione  1562                         Data chiusura ultima citazione 1844, citazione erronea perché a quella data non più attiva

Itinerari di appartenenza


Tiroli: viaggio da Firenze a Roma

In questo itinerario, tratto da Francesco Tiroli, La vera guida per chi viaggia in Italia …, Roma Giunchi 1775, appare la collocazione della stazione di posta della Scala fra le stazioni di Torrenieri e Ricorsi.

Gravier: viaggio da Firenze a Roma



In questa cartina itineraria, tratta da Guida per il viaggio d’Italia in posta …, Genova Gravier 1793, vediamo la stazione di posta della Scala fra quelle di Torrenieri e Ricorsi.

 


Descrizione

Località situata nel territorio del Comune di Castiglion d’Orcia, in provincia di Siena, sulla strada statale Cassia.

La posta-cavalli

La posta della Scala, situata circa a metà strada fra la Poderina e Ricorsi, fu gravemente danneggiata da un incendio nel 1760 e fu poi soppiantata da quella della Poderina, tant’è che il Repetti, nel 1843, la cita soltanto come osteria.

Sorge in aperta campagna e il suo fabbricato, ancora in buone condizioni, è stato sempre adibito ad usi agricoli: di fronte ad esso si vedono i ruderi della chiesina annessa alla posta e nel mezzo passa la via Cassia.

foto attuale della posta alla scala


foto attuale della posta alla scala

foto attuale della posta alla scala


foto attuale della posta alla scala


Ruderi della chiesina

Ruderi della chiesina


Ruderi della chiesina

Ruderi della chiesina



Dopo l’incendio la stazione di posta fu trasferita per alcuni mesi a Fonte alla Vena (circa 300 metri fuori delle mura di San Quirico d’Orcia in direzione sud)

Edificio di Fonte alla Vena

Sono stati individuati tre possibili edifici: riproduciamo qui quello che è apparso il più probabile.

Edificio di Fonte alla Vena


Edificio di Fonte alla Vena



Il trasferimento della sede a Fonte alla Vena portò vari problemi, quale il reperimento di foraggio per i cavalli. Il postiere per questo prese in affitto alcuni campi dall’Oste alla Campana di San Quirico, tale Nispi che era anche il gestore della posta lettere nel paese. Successivamente, sempre per alcuni mesi, la stazione di posta si trasferì nell’edificio detto La Commenda (circa 1 km prima del ponte sull’Orcia di Bagno Vignoni, quindi molto vicino alla Poderina dove poi la posta cavalli fu definitivamente alloggiata.

edificio “La Commenda”

L’edificio “La Commenda” che ospitò la posta cavalli prima del trasferimento alla Poderina.

edificio “La Commenda”

edificio “La Commenda”


Proseguendo il cammino dalla posta della Scala, si trovava l’Osteria delle Briccole, con la sua cappellina, che fu tagliata fuori dalla strada postale nel 1837, quando uno spostamento del tracciato e la costruzione di un ponte sul torrente Velora permisero di eliminare i tre guadi del medesimo. Usata per anni come casa colonica, è oggi in completo abbandono.

L’antica osteria delle Briccole.

L’antica osteria delle Briccole.

Le Briccole- Cappella

L’antica chiesa di San Pellegrino accanto all’osteria, già ospizio camaldolese e spedale per i pellegrini sulla Via Francigena  1.


Contesto territoriale

Dall’itinerario postale era possibile proseguire il viaggio per località non coperte dal servizio di posta cavalli ricorrendo ai servizi di vetturali privati. Ecco la situazione della rete viaria come appare nella cartina relativa al Viaggio da Siena a Monte Fiascone disegnata da Antonio Giachi nella seconda metà del Settecento.
Le stazioni di posta presenti all’epoca sull’itinerario sono contrassegnate dal simbolo:

simbolo

Viaggio da Siena a Montefiascone


Viaggio da Siena a Montefiascone
(Manoscritto Antonio GIACHI, SECONDA META’ XVIII SECOLO) 1.C.4

 


Notizie storiche e artistiche

Il Repetti cita questa località, all’epoca non più stazione di posta, nella descrizione che fa del tracciato della strada Romana:
… alla Poderina incontra la nona posta de' cavalli. Di costà si avvia lungo la ripa sinistra della fiumana, costeggia l' Osteria della Scala, donde per i colli di Contignano arriva alla decima posta di Ricorsi ...

Nella letteratura odeporica troviamo così citata questa stazione di posta sulla strada Romana Senese:
« Tra questi monti [zona di Radicofani] era già l’antica Città di Rosselle, dove ora sono i Bagni di S. Filippo, ed ha origine il fiume Orcia. Partendo da S. Quirico, e seguitando il detto fiume Orcia si arriva alla Scala, ove è la posta. Di quì si vede a mano manca sopra una montagna Pienza, patria di Pio II, che la dichiarò Città Episcopale, dandogli il suo nome, dove non era prima, che un Borgo, chiamato Corsignano. Francesco di Giorgio Senese fu il suo Architetto, che fabbricò la Cattedrale, il Palazzo Episcopale, il Palazzo del Pubblico, le muraglie, e fortificazioni della Città » (Francesco Scotto, Itinerario d’Italia, Roma 1747 p. 206).

 

Postieri ossia Mastri di posta

Francesco Cantucci (nel 1749 e fino al 1761)

Aneddoti

 

Sull’attività della stazione di posta della Scala è consultabile documentazione archivistica di varia natura reperita presso l’Archivio di Stato di Siena.

apri documento pdf.

Note:


1 Cfr. Renato Stopani, La via Francigena in Toscana. Storia di una strada medievale, Firenze 1984.