Sei in:
  1. ISSP di Prato
  2. Viaggio nel web
  3. Indice stazioni
  4. Stazione postale Poggio a Caiano


Come si viaggiava in Toscana ai tempi del Grand Tour... e prima
Scheda informativa: stazione postale di Poggio a Caiano

Stazione citata per la prima volta 1562     

 Poggio a Caiano vista da Artimino.

Poggio a Caiano vista da Artimino.

Data apertura           prima citazione  1562                             Data chiusura ultima citazione 1794

Itinerari di appartenenza


particolare della carta di Johann Baptist Homann con la segnalazione della posta di Poggio a Caiano.


In questo particolare della carta di Johann Baptist Homann, Italia Cursoria, pubblicata a Norimberga nei primi anni del secolo XVIII ma ripresa dalla carta del 1695 di Giacomo Cantelli, vediamo il tracciato della strada postale fra Firenze e Pistoia con la segnalazione della posta di Poggio a Caiano. Come si vede, all’inizio del Settecento non era ancora in funzione la tratta postale Firenze - Prato - Pistoia la cui apertura, ricordiamo, non portò al declassamento della strada del Poggio che rimase “postale”.

Gravier: Viaggio da Firenze a Pisa


In questa cartina itineraria, tratta da Guida per il viaggio d’Italia in posta …, Genova Gravier 1793, vediamo indicata ancora la stazione di posta di Poggio a Caiano, intermedia fra quelle di Firenze e Pistoia.


Tofani:Viaggio da Firenze a Modena e Bologna



In questa carta delle Poste Imperiali Francesi, tratta dalla guida bilingue Nuovo libro di viaggio colla descrizione …, Roma Salviucci 1810, edita nel periodo dell’annessione del territorio toscano alla Francia, mostra l’esistenza del tracciato postale da Firenze a Pistoia che passava da Poggio a Caiano, non più segnalata però come sede della posta cavalli.

particolare di una carta postale del 1844 con  il tracciato Firenze – Pistoia



Da questo particolare di una carta postale del 1844 vediamo come il tracciato Firenze – Pistoia, via Poggio a Caiano, non fosse più segnalato come “postale” 

Daniele Sterpos, Comunicazioni stradali attraverso i tempi. Bologna – Firenze. Roma 1961, a p. 199.


 

Descrizione

Poggio a Caiano (circa 10mila abitanti) è uno dei più piccoli comuni della Toscana. Fino al 1962 era una frazione del Comune di Carmignano. Posto a cavallo della strada ex-statale che collega Firenze a Pistoia, si è sviluppato attorno alla collina sulla quale sorge una splendida Villa Medicea. Nel Medioevo la località rappresentava un importante crocevia nel reticolo stradale che collegava le strade del Montalbano alla piana pratese. Località situata a fianco del torrente Ombrone che, in collegamento con l’Arno, svolse funzioni di porto fluviale fra XIV e XVI secolo.

 

La posta-cavalli

Grazie a una relazione della fine del Settecento, è stato possibile individuare la sede della posta cavalli di Poggio a Caiano ed avere una dettagliata descrizione della stessa 1 .

vedi scheda PDF 3 pag. 18KB

Dal testo della relazione, che evidenzia uno stato di semi abbandono delle stalle, si può dedurre che già a quell’epoca la locanda non svolgesse più il servizio di posta cavalli, pur avendo mantenuto la strada regia la sua qualifica di “postale”.
Ricordiamo che nella prima carta postale italiana, disegnata dal Cantelli di Vignola ed edita da De Rossi nel 1695, vediamo indicato solo il tracciato Firenze - Pistoia, via Poggio a Caiano. Successivamente, nel 1746, viene dato nel Regolamento granducale come percorso alternativo all’itinerario Firenze - Prato - Pistoia, con gli stessi costi (3 poste) mantenendo la qualifica di strada postale.
Nella carta delle poste imperiali francesi, allegata alla guida edita a Roma da Salviucci nel 1810, figura ancora questo percorso alternativo.
Una mappa di epoca successiva, quella delle poste granducali esistente nell’Archivio Asburgo di Praga (vedi in Carte postali), databile anteriormente al 1830, non segnala più né la presenza di una stazione di posta cavalli a Poggio a Caiano né l’indicazione di tracciato postale .

 


1 ASFi, Scrittoio Regie Possessioni, 4830, pp. 101-113, ripresa in estratto da Paolo Gennai, La villa e la strada regia – Famiglie, mestieri e affari a Poggio a Caiano fra XVIII e XIX secolo (1774-1815), Poggio a Caiano 2007, pp. 228-230.

Contesto territoriale

Dall’itinerario postale era possibile proseguire il viaggio per località non coperte dal servizio di posta cavalli ricorrendo ai servizi di vetturali privati. Ecco la situazione della rete viaria come appare nella cartina relativa al Viaggio da Pisa a Firenze per la parte di Lucca e Pistoia disegnata da Antonio Giachi nella seconda metà del Settecento.

Le stazioni di posta presenti all’epoca sull’itinerario sono contrassegnate dal simbolo:

simbolo


Viaggio da Pisa a Firenze per la parte di Lucca e Poggio a Caiano
(Manoscritto Antonio GIACHI, SECONDA META’ XVIII SECOLO) 1.C.4


Notizie storiche e artistiche

Questa località viene così ricordata nel Dizionario del Repetti:

CAJANO (POGGIO A) in Val d'Ombrone pistojese. Borgo e Villa Reale con grandioso Parco e Bandita sulla strada Regia pistojese, 10 miglia toscane a ponente di Firenze, e altrettanto a scirocco di Pistoja, miglia toscane 4 e 1/2 a ostro di Prato, nella parrocchia di Bonistallo, Comunità Giurisdizione e 3 miglia a scirocco-levante di Carmignano, Diocesi di Pistoja …

vedi scheda completa

In una guida di viaggio di metà Settecento, ma di origine cinquecentesca, troviamo ricordata così la località
« [da] Firenze, e uscendo dalla porta al Prato, ove è un Casino de’ Signori Corsini, poche miglia lontano, v’è un’altra deliziosa villa del Gran Duca, detta Poggio a Cajano, celebre per il parco, viali, ed estensione, edificata dal Duca Cosimo sopra un’ameno colle: essendovi più sopra l’altra villa detta Artimino, celebre per i vini, appartenente alla medesima Casa Reale » (Francesco Scotto, Itinerario d’Italia, Roma 1747 p. 177).