Sei in:
  1. ISSP di Prato
  2. Viaggio nel web
  3. Indice stazioni
  4. Stazione postale Incisa


Come si viaggiava in Toscana ai tempi del Grand Tour... e prima
Scheda informativa: stazione postale di Incisa ( ora Incisa Valdarno)

Stazione citata per la prima volta 1794 

Foto panoramica di Incisa in Val d’Arno.

Foto panoramica di Incisa in Val d’Arno.

Data apertura          prima citazione 1794                     Data chiusura   ultima citazione  1851

Itinerari di appartenenza


Tiroli: viaggio da Firenze a Bologna

In questo itinerario, tratto da Francesco Tiroli, La vera guida per chi viaggia in Italia …, Roma Giunchi 1775, che mostra sia il percorso da Roma a Firenze sia quello da Foligno a Firenze, non appare indicata la stazione di posta dell’Incisa bensì quella di Pian del Fonte. Infatti, solo alla fine del decennio (1777-1778?) furono terminati i lavori per la modifica del percorso stradale della Via Aretina ai quali seguì l’istituzione della stazione postale a Incisa.

 

Tofani: Viaggio da Firenze a Bologna


In questo itinerario, pubblicato ventisei anni dopo, tratto da Itinéraire d’Italie qui contient la description …, Florence Tofani 1801, appare la collocazione della stazione dell’Incisa fra le località di Firenze e Levane. Il percorso stradale evidenzia anche  il tratto della strada Aretina comprendente la località di Troghi.

 


Descrizione

Incisa in Val d’Arno è un comune di oltre 6mila abitanti, in provincia di Firenze. Le sue origini risalgono al Medioevo.

La posta-cavalli

Non è stato ancora possibile individuare la sede della stazione della posta cavalli.
Presso l’Archivio di Stato di Firenze sono conservate piante e disegni relativi alla stazione di posta di Incisa datate 1828  .1
Nella seconda metà del Settecento la stazione di posta dell’Incisa distava da Firenze 2 poste pari a 15 miglia di “strada montuosa con poca scesa” e dalla stazione di Levane altre 2 poste per 15 miglia di strada piana  .2

Nel 1793 la posta cavalli dell’Incisa appare nell’elenco delle stazioni che, per l’insufficiente volume di lavoro, ricevevano un sussidio granducale per il mantenimento del servizio postale: il sussidio annuo ammontava a lire 350  3.

Contesto territoriale

All’Incisa facevano capo sia la vecchia strada postale che da Firenze passava per Bagno a Ripoli, superava l’Apparita, traversava San Donato in Collina e scendeva a Pian del Fonte, vicino ad Incisa, dove esisteva l’antica stazione di posta, sia la nuova postale che da Firenze seguiva l’Arno, passava da Pontassieve per raggiungere Incisa (dove si era aperta una nuova stazione di posta) per innestarsi nella vecchia strada aretina.

Dall’itinerario postale era possibile proseguire il viaggio per località non coperte dal servizio di posta cavalli ricorrendo ai servizi di vetturali privati. Ecco la situazione della rete viaria come appare nella cartina relativa al Viaggio da Firenze a Cortona disegnata da Antonio Giachi nella seconda metà del Settecento.

Le stazioni di posta presenti all’epoca sull’itinerario sono contrassegnate dal simbolo:

simbolo

Giachi: Viaggio da Fitrenze a Cortona


Viaggio da Firenze a Cortona

(Manoscritto Antonio GIACHI, SECONDA META’ XVIII SECOLO) 1.C.4


Notizie storiche e artistiche

Nel Dizionario del Repetti troviamo le seguenti indicazioni relative a questa località:

INCISA, o ANCISA, e talvolta LANCISA (Ancisa) nel Val d'Arno superiore. - Borgo con sovrastante castello, e chiesa parrocchiale (S. Alessandro, una volta S. Biagio) stato capoluogo di Comunità e Giurisdizione prima unitamente alla Comuità di Cascia, poi solo, finchè nel 1828 fu riunito alla Comuntà e Giurisdizione di Figline, nella Diocesi di Fiesole, Compartimento di Firenze


scheda completa Repetti

Località sede di ufficio postalettere

Dotazioni

Dalla documentazione di fine sec. XVIII risulta che il postiere doveva tenere per il servizio 6 cavalli da tiro e 1 cavallo da sella  .4


 

Note:


1 ASFi, Fondo Scrittoio delle Fortezze e Fabbriche, Fabbriche Lorenesi 1826-1830 (2111, 122.2, 1828, 83),

2 ASFi, Segr. Finanze, ant. 1788, filza 643, c.n.n. Descrizione delle poste nel Granducato di Toscana, coll’indicazione delle distanze, che …., da Francesco Scarso, L’organizzazione postale nel Granducato di Toscana (1681-1808), Tesi di Dottorato, Napoli 1996.


3 ASFi, Direzione Generale delle Poste (1709-1808), filza 97, Sussidi e canoni governativi per le poste (v. Scarso, op. cit., p. 109).

4 ASFi, DGP 1709-1808, filza 88, c. 65.