Sei in:
  1. ISSP di Prato
  2. Viaggio nel web
  3. Indice stazioni
  4. Stazione postale Castelfiorentino


Come si viaggiava in Toscana ai tempi del Grand Tour... e prima
Scheda informativa: stazione postale di Castel Fiorentino ( ora Castefiorentino- FI)

Stazione citata per la prima volta 1742

Data apertura:           prima citazione  1742  ma già presente come posta nella cartografia secentesco Data chiusura: ultima citazione 1847

Itinerari di appartenenza

Castelfiorentino: dettaglio itinerario tra La Scala e Poggibonsi dalla carta Cantelli del 1695

Castelfiorentino: dettaglio itinerario tra La Scala e Poggibonsi dalla carta Cantelli del 1695

Da un certo numero di guide di viaggio datate fra 1742 e 1847 appare segnalato Castel Fiorentino come località sede di una stazione della posta cavalli lungo il tratto della cosiddetta strada Traversa Romana che collegava la strada Pisana Livornese alla strada Romana Senese. Traversa che riprendeva l’antico percorso della Via Francigena o Francesca che, com’è noto, non prevedeva il passaggio da Firenze.
Occorre rilevare però che Castel Fiorentino e l’itinerario relativo che abbreviava il percorso evitando la digressione per Firenze, appare già presente nella prima carta postale italiana, quella disegnata dal vignolese Giacomo Cantelli, cartografo del Duca di Modena.
La documentazione d’archivio settecentesca, riguardo a tale Traversa, cita l’esistenza solo della stazione di Cambiano, spostata a Certaldo dal 1778 al 1793 quando fu poi ripristinata a Cambiano. Probabilmente le guide indicavano la comunità di Castel Fiorentino come centro più importante e nel cui territorio era la borgata di Cambiano.
La carta dell’Inghirami (1830) non segnala la località di Castel Fiorentino come sede di posta cavalli. Anche la cartografia anteriore, come quella del Regno dell’Etruria (1801-1807) e la mappa delle poste granducali, conservata nell’Archivio Asburgo a Praga, non ne fanno menzione.
Viceversa, è dopo tale data che sicuramente Castel Fiorentino sostituì Cambiano quale sede di stazione postale, come si può vedere in questa carta postale del 1844[?] che mostra il tracciato dall’Osteria Bianca, sulla strada Pisana, a Poggibonsi, sulla strada Romana  1.

Sterpos:carta postale del 1844[?] che mostra il tracciato dall’Osteria Bianca, sulla strada Pisana, a Poggibonsi, sulla strada Romana


Sterpos:carta postale del 1844[?] che mostra il tracciato dall’Osteria Bianca, sulla strada Pisana, a Poggibonsi, sulla strada Romana


Descrizione

Il Comune di Castelfiorentino, in provincia di Firenze, contava 17.990 abitanti nel 2009. Situato nella Val d’Elsa, lungo il percorso dell’antica Via Francigena, è un centro con forti tradizioni agricole. Storicamente, rappresentò un importante avamposto fiorentino con la Repubblica di Siena. Dopo il Cinquecento tutta la Val d’Elsa ebbe un periodo di regressione che finì solo con le iniziative lorenesi del Settecento.


Castelfiorentino: foto panoramica

Castelfiorentino: foto panoramica


La posta-cavalli

Non è stato ancora possibile individuare la sede della stazione di posta cavalli.

Contesto territoriale

Dall’itinerario postale era possibile proseguire il viaggio per località non coperte dal servizio di posta cavalli ricorrendo ai servizi di vetturali privati. Ecco la situazione della rete viaria come appare nelle cartine relative al Viaggio da Firenze a Volterra e al Viaggio da Livorno a Firenze disegnate da Antonio Giachi nella seconda metà del Settecento.
Le stazioni di posta presenti all’epoca sull’itinerario sono contrassegnate dal simbolo:

simbolo

Giachi:Viaggio da Firenze a Volterra


Viaggio da Firenze a Volterra
(Manoscritto Antonio GIACHI, SECONDA META’ XVIII SECOLO) 1.C.4

Giachi:Viaggio da Livorno a Firenze


Viaggio da Livorno a Firenze
(Manoscritto Antonio GIACHI, SECONDA META’ XVIII SECOLO) 1.C.4

 


Notizie storiche e artistiche

Emanuele Repetti nel suo Dizionario illustra così la località:

CASTEL FIORENTINO in Val d'Elsa. Terra floridissima, già castello, capoluogo di Comunità, di antico piviere e residenza di un Potestà nel Vicario Regio di Sanminiato, Diocesi e Compartimento di Firenze. L'antico castello è situato sulla pendice di una collina che si accosta alla destra ripa dell'Elsa, lungo la quale è fabbricato il popoloso borgo, attraversato dalla strada Regia detta la Traversa, ossia dall'antica Francesca o Romea, sulla testata del ponte che cavalca l'Elsa, nel punto più antico sebbene nel centro della Valle, là dove sbocca la strada provinciale Volterrana e quella di Montajone

(vedere scheda completa)..

 


1 Daniele Sterpos, Comunicazioni stradali attraverso i tempi. Firenze - Roma. Roma 1964, a p. 259. La datazione 1840 è quella indicata dall’Autore ma, in altra opera dello stesso, viene datata 1844: noi propendiamo per quest’ultima.